Immagine

Diploma Naturopata Psicosomatico RIZA – Guido Parente

diploma riza

Diploma Naturopatia Psicosomatico Riza Guido Parente

 

Annunci

Il trattamento del “Morbo di Crohn” con la Pranoterapia – Guido Parente

Immagine

Il trattamento del

“Morbo di Crohn”

con la

   Pranoterapia  

 

Guido PARENTE

Pranoterapeuta Vibrazionale

Naturopata Psicosomatico Riza

 

Il Morbo di Crohn, noto anche come Enterite Regionale, è una malattia infiammatoria cronica dell’intestino, essa causa forti dolori addominali, diarrea, vomito, perdita di peso.

Può altresì causare complicazioni in altri organi e apparati come eruzioni cutanee, artriti, infiammazione degli occhi (uveiti), stanchezza. (Wikipedia),

Tale patologia, deve il suo nome a un medico statunitense, Burrill B. Crohn (1884-1983) che insieme a due suoi colleghi, Leon Ginzburg e Gordon Oppenheimer, descrisse accuratamente la patologia in un articolo comparso sul JAMA (Journal of the American Medical Association).

Le statistiche ci informano che la malattia colpisce prevalentemente tra i 20 e i 40 anni e i pazienti affetti da tale patologia sono in costante aumento soprattutto nei paesi occidentali, in percentuale maggiore colpisce le donne.

In Italia non esiste un registro nazionale, comunque, sulla base di una ricerca svolta dall’associazione AMICI, si calcola che ci siano almeno 100.000 persone affette da malattie infiammatorie intestinali, di cui probabilmente 30-40% affetti dal morbo di Crohn.

Tale patologia, rientra nelle cosiddette Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI), tra cui si annovera anche la colite ulcerosa.

Cura Allopatica

Attualmente non vi sono cure definitive per il Morbo di Crohn.

Le principali cure sono di tipo farmacologico, nutrizionale e chirurgico.

Vengono spesso prescritti antibiotici e antinfiammatori, la mesalazina è uno dei farmaci più utilizzati

La Medicina Allopatica, prescrive farmaci per aumentare le difese Immunitarie.

In taluni casi gravi, quando vi sono blocchi parziali o totali dell’intestino,viene consigliato l’intervento chirurgico.

 

Dieta

Anche se la Scienza non è ancora concorde, si ritiene auspicabile che le persone affette da questa patologia passino ad una dieta vegetariana o vegana.

Un’alimentazione sana, costituita da prodotti biologici e con il minor contenuto possibile di alimenti ricchi di grassi saturi, latte e latticini, una dieta povera di fibre, limita la sintomatologia.

Si consiglia di aumentare il consumo di frutta e verdura, carni bianche, pesce.

Smettere di FUMARE.

Naturalmente l’alimentazione non è l’unico fattore che può influenzare i livelli di infiammazione, le

 

infezioni intestinali, una cattiva masticazione, l’utilizzo di bevande alcoliche o eccessivamente fredde,

 

lo stress e le tensioni emotive, insieme tanti altri fattori, possono spingere i livelli di infiammazione oltre

 

la soglia e scatenare la sintomatologia.

 

Trattamento Pranoterapeutico

Per quanto attiene il settore olistico e del benessere, prima di tutto poniamo l’accento sul fatto che  qualsiasi patologia, non viene interpretata come una malattia al di fuori del corpo, ma strettamente connessa a corpo – mente-spirito.

Grazie alla mia esperienza di Pranoterapeuta, ho potuto verificare nel corso degli anni, in base agli studi svolti e all’esperienza che, mediante l’apposizione delle mie mani,  riesco ad alleviare stati infiammatori, anche molto gravi.

 

Il trattamento Bio-pranoterapeutico, si svolge principalmente, in primis andando a trattare il sistema Immunitario, che come è noto, nelle malattie autoimmuni, esso viene interessato e colpito.

 

Cosa vuol dire trattare il Sistema Immunitario con la Pranoterapia?

 

Il trattamento sarà, composto da ponti (messa in contatto) tra organi e ossa lunghe, le sedute a carattere settimanale, varieranno da 5 a 10.

 

Il trattamento relativo al Morbo di Crohn, proseguirà con un articolato programma di trattamenti che si svolgeranno con modalità differenti, andremo a sedare l’infiammazione al fine di ridare vigore alle parti interessate da tale patologia.

 

La  Tecnica Pranoterapica,  appartiene al mondo olistico (holos=intero), termine utilizzato per indicare un approccio che cerca di vedere le persone nella loro interezza, rispetto all’ambiente interno ed esterno.

Parliamo in questo caso di squilibrio e di difetto energetico.

 

La Pranoterapia  è una terapia curativa antichissima, formata dalle parole PRANA, termine sanscrito (antica lingua indiana) che significa “soffio vitale” o “energia vitale” e dalla parola terapia.

 

Ma come si applica la Pranoterapia?

La sua applicazione viene fatta con l’imposizione delle mani del pranoterapeuta sul corpo del paziente ad una distanza di pochi centimetri o apponendo le mani su organi, su Chakra, o seguendo i punti dei meridiani della Medicina Tradizionale Cinese, come viene fatto anche per l’Agopuntura, la Moxa o per lo Shatsu.

La Pranoterapia, serve a ricreare o a rivitalizzare l’energia curativa propria di ogni essere vivente, la cosiddetta vis medicatrix naturae come fa l’omeopatia, dando al corpo umano la possibilità di reagire alla malattia, diminuendo infezioni, irritazioni, infiammazioni aiutando così il Sistema Immunitario a ristabilire l’omeostasi.

Riporto qui una bellissima testimonianza di una signora dopo delle sedute di Pranoterapia

“Caro dr Parente,

vivo con il Morbo di Crohn da quando avevo 26 anni, (ora ne ho 57), può comprendere, essendo Lei una persona dotata di rara sensibilità, il disagio ed il dolore che esso comporta.

Una delle prime cose che ti dicono i medici è che non si può guarire, solo “tenere a bada” tramite trattamenti farmacologici il tutto…

Ebbene può ben immaginare come ci si possa sentire! Il senso di impotenza è tanto…

Qualche tempo fa una mia zia mi parlò della Pranoterapia, di persone che posseggono un “dono” attraverso il quale riescono a fare molto per le persone.

Iniziai pertanto a fare una ricerca sul web, ne parlai con amici, con  operatori olistici e più persone mi fecero il suo nome, mi dissero che Lei, caro Guido era una persona molto umana, molto disponibile e con un “dono” molto forte…e dopo averLa conosciuta, devo dire che è proprio vero!

Tramite le sue sedute, le sue “mani d’oro” mi hanno portato benessere e una sensibile diminuzione del dolore.

Il Sistema Immunitario, tornando a  dei livelli accettabili, ha fatto sì che io non fossi più oggetto di raffreddori e malanni di ogni tipo a ritmi esagerati!

Lei mi ha spiegato che essendo una malattia autoimmune, è necessario sottoporsi a trattamenti ciclici, ben vengano se i risultati sono questi!

Inoltre,  sono convinta che il mio umore è diventato più allegro grazie alla sua Arte Pranoterapeutica!

Grazie di cuore!

Francesca S,. 16 Marzo 2011”

guidoparente@alice.it

©2013 Guido Parente. SIAE 2013. All rights reserved

Immagine

La Sinusite nell’approccio con la Pranoterapia – Guido Parente

La Sinusite nell’approccio con la Pranoterapia  - Guido Parente

La Sinusite
nell’approccio con
la Pranoterapia

Guido PARENTE
Pranoterapeuta Vibrazionale e Naturopata Psicosomatico

Per Sinusite, si intende un processo infiammatorio, acuto o cronico delle mucose dei seni paranasali e frontali, tale patologia, può manifestarsi molto frequentemente nel periodo invernale.

La Sinusite è spesso causata da una rinite di origine virale (virus), batterica, da funghi oppure allergica.

Possono causare l’insorgenza di tale patologia anche i tuffi, il nuoto e lesioni che delimitano i seni paranasali.

Vi sono inoltre, delle zone climatiche che possono agevolare la sinusite, zone con climi umidi ed afosi, zone ove vi siano delle forti escursioni termiche, zone inquinate.

Esistono principalmente tre tipi di sinusite:

1. la sinusite acuta.
Sintomatologia classica della malattia chiamata rinorrea (fuoriuscita di muco o pus dal naso), febbre e cefalea che si risolvono in pochi giorni.

2. la sinusite cronica.
È invece legata a stati infiammatori correlati spesso a loro volta da condizioni ambientali e/o da problemi allergici, che danno luogo a forme infettive ricorrenti che provocano mal di testa, ostruzione nasale, febbre di lieve entità.

3. La sinusite ricorrente
Se vi sono durante l’anno più di tre recidive

Sintomi della Sinusite

La sintomatologia più ricorrente della Sinusite è composta da:

 Ostruzione nasale con secrezione
 Mal di testa
 Anosmia (incapacità di percepire odori)
 Stanchezza
 Voce di timbro nasale
 Tosse
 Febbre
 Dolore facciale
 Sensazione di pressione a livello facciale
 Orecchie tappate

Cura Allopatica

La terapia allopatica, si basa per lo più sull’utilizzo di antibiotici, antinfiammatori, cortisone, antistaminici, terapia aereosolica con farmaci, lavaggi nasali con soluzioni idrosaline, spray ad uso topico-decongestionante per la mucosa nasale.

Spesso nelle forme croniche viene consigliata la terapia termale.

Trattamenti Olistici

Vi sono vari rimedi naturali per combattere in maniera forse meno incisiva, ma sicuramente meno devastante dell’utilizzo di farmaci tale patologia, tra questi rimedi, ricordo l’uso di:

Sulfumigi, formati da acqua con l’aggiunta di oli essenziali a base di eucalipto, timo e rosmarino, menta che aiutano a liberare le vie respiratorie.

Tisane calde con erbe balsamiche addolcite con il miele aiutano altrettanto a liberare il naso chiuso.
Fiori di Bach: Crab apple è un fiore di Bach utile nei casi di sinusite: è un grande depurativo dell’organismo, ha azione astringente e proprietà disinfettanti.

Trattamento Pranoterapeutico

Per la mia esperienza di Pranoterapeuta, ho verificato nel corso degli anni, in base agli studi svolti e all’esperienza che mediante l’apposizione delle mani riesco ad alleviare stati infiammatori, anche molto gravi.

Il trattamento si svolge principalmente, trattando il Sistema Immunitario, il Sistema Linfatico e il Viso nella parte relativa ai seni frontali e nasali, a cui unire i punti della Medicina Tradizionale Cinese.

Inoltre per mia abitudine, seguo sempre i dettami della Medicina Tradizionale Cinese.
Per la MTC, infatti, la sinusite è associata a Vento freddo o caldo nel Polmone, Calore della Vescica Biliare, Umidità-Calore della Milza, deficit di Qi in entrambi gli organi, sia Polmone che Milza.
I punti su cui intervenire sono:

 ZU SAN LI (sotto il bordo inferiore della rotula, a lato della cresta tibiale anteriore), tonifica Milza e Stomaco;

 HE GU (sul lato radiale dell’indice, all’altezza del punto medio del II metacarpo) che tonifica il Qi;

 FENG CHI (nella depressione fra i muscoli sternocleidomastoideo e il trapezio), che elimina il Vento e purifica il Calore;

 TAI CHONG (sul dorso del piede, nella depressione distale all’articolazione fra il I e il II metatarso), che tonifica e regola il Fegato, regola e raffredda il sangue;

Riporto la testimonianza della signora Anna, che grazie a dei trattamenti di pranoterapia, nel 2008 ha potuto risolvere questa problematica:

“Soffro di Sinusite Cronica da alcuni anni, dopo aver provato varie cure mediche mi stavo ormai rassegnando a convivere con questa fastidiosissima patologia.
Ho sentito parlare del Pranoterapeuta Dr Guido Parente da una mia cara amica e dopo sue varie insistenze ho voluto provare la Pranoterapia.
Ebbene, mi rammarico di non averlo fatto prima!
Sono andata con molte esitazioni e perplessità da questo signore, mi ha colpito subito la sua gentilezza e il suo modo di mettermi a mio agio, dicendomi subito che il trattamento di pranoterapia è lontano da stregonerie e miracolismi.
Il trattamento sarà durato circa un’oretta, che è passata in maniera molto piacevole e…incredibile quando mi sono rialzata dal lettino…respiravo!
Il mio naso era libero!
Una sensazione stupenda!
Dopo pochi trattamenti sono riuscita ad avere una vita normale, lasciando a casa i vari spray per respirare…e questa è veramente una liberazione!
Ringrazio il dottor Guido Parente per la sua professionalità, per il suo modo di “lavorare con il cuore” e per avermi aiutata a stare bene”
Anna M., novembre 2008

La pranoterapia non è un’alternativa alla medicina tradizionale e, quindi, non comporta assolutamente la sospensione di cure farmacologiche o trattamenti medici, ma anzi collabora in maniera fattiva ed in sintonia con il medico

Inoltre:
La Pranoterapia non è miracolosa, ma in taluni casi può curare ed in altri, agendo con le prescrizioni mediche, può facilitare guarigioni.

Guido Parente Pranoterapeuta Vibrazionale
http://guidoparente.com
©2013 Guido Parente. SIAE 2013. All rights reserved

I Mudra – Guido PARENTE

Mudra

I Mudra

Guido PARENTE

Pranoterapeuta Vibrazionale, Naturopata Psicosomatico Riza ,

operatore/docente Medicina Vibrazionale con le Campane Tibetane

Fin dall’antichità si è parlato dei Mudra, li troviamo in Asia, non solo in Cina, ma anche in Giappone, in India, in Vietnam.

Vi sono numerose modalità di posizionare le dita delle mani, spesso i mudra vengono usati in abbinamento ad altre modalità terapeutiche, ad esempio  nel Kundalini Yoga, insieme alle Asana (le varie posizioni), vi sono delle posizioni delle dita delle mani che integrano e danno maggiore effetto.

Ma come si praticano i Mudra?

Basta posizionare le dita tra di loro con pressioni molto leggere e piacevoli, comprendiamo subito che la flessibilità delle dita è in diretto collegamento con la flessibilità del corpo umano, pertanto ove si incontreranno difficoltà nel posizionare le dita, riscontreremo a livello corporeo le medesime difficoltà.

Possiamo eseguire i Mudra sia da sdraiati, che da seduti, anche se in realtà possiamo eseguirli in ogni luogo e in qualsiasi orario, rimanendo con le mani rilassate.

Per quanto tempo bisogna tenere un mudra?”

Ebbene tendenzialmente si va da 5 a 30 minuti. L’ideale è di 45 minuti in particolar modo rispetteremo questa modalità temporale durante le meditazioni.

Possiamo avere un maggiore effetto con i Mudra, se ad essi uniamo pratiche respiratorie, ed inoltre, se a tutto questo uniamo un pensiero positivo.

io riconosco la bontà e la potenza dell’universo nel suono vibrazionale

Avremo così un effetto straordinario, un effetto di rilassamento profondo, e di positività che poi ci accompagnerà per tutto il giorno.

I mudra uniti ad un pensiero positivo, costruttivo, hanno un effetto straordinario sull’area emozionale e psicosomatica della nostra vita e sul nostro umore.

Consideriamo per la Medicina Tradizionale Cinese, che oltre al corpo, i meridiani, passano anche  nelle mani, abbiamo infatti, dei canali energetici molto potenti, grazie ai vari studi riflessologici, oltre alla riflessologia dei piedi e all’auricoloterapia, abbiamo anche la riflessologia delle mani.

I meridiani delle mani

I meridiani delle mani si dividono in yin e yang ed hanno i loro punti di inizio o di fine nelle dita:

  • meridiano di polmone (pollice/yin) – metallo
  • meridiano di grosso intestino (indice/yang) – metallo
  • meridiano di mastro del cuore (medio/yin) – fuoco
  • meridiano di triplice riscaldatore (anulare/yang) – fuoco
  • meridiano di piccolo intestino (mignolo/yang) – fuoco

Vi sono mudra che si possono usare per ricaricarci di energia, per rafforzare il carattere, per collegarci con il nostro divino, per ritrovare noi stessi, per rafforzare la respirazione in unione con il pranayama, per risvegliare la potente energia Kundalini, per far aumentare o equilibrare il sistema immunitario, etc.

Uniamo ai mudra una alimentazione corretta ed uno stile di vita più regolare e in breve tempo riusciremo a raggiungere il nostro benessere.

Guido Parente    http://guidoparente.com

©2013 Guido Parente. SIAE 2013. All rights reserved

MEDITAZIONE in riva al mare, al tramonto, con le CAMPANE TIBETANE solstizio d’estate2013

MEDITAZIONE in riva al mare,

al tramonto, con le CAMPANE  TIBETANE

 

 meditazione-sulla-spiaggia


Ostia, lungomare Amerigo Vespucci 46 (Stabilimento ZENIT)

 

                                                              per il SOLSTIZIO D’ESTATE 2013

21 giugno 2013    alle ore 19:00

 

Il Maestro Guido PARENTE

condurrà la “Meditazione con le Campane Tibetane”

 sulla Spiaggia

 per aiutarci a ritrovare il nostro “SILENZIO INTERIORE”

 

 per concludere, CENA VEGETARIANA presso il ristorante ZENIT

Cosa occorre:

Abbigliamento comodo (maglietta e pantaloncini)

Un telo da mare o un tappetino

Necessaria la prenotazione

Contributo compresa cena 39€

Soci Associazione Oasi del Farfa 32€

Soci Cral Eni Roma 32€

info e prenotazioni

328 -4098 292

oasidelfarfa@gmail.com

WWW.GUIDOPARENTE.COM

L’Ansia nell’approccio con il Metodo “Pranoterapia e Massaggio Armonico-Vibrazionale con le Campane Tibetane®”

L’Ansia

nell’approccio con il Metodo

 “Pranoterapia e Massaggio Armonico

 Vibrazionale con le Campane Tibetane®

 

 

10167742 

 

 

Guido PARENTE

Pranoterapeuta Vibrazionale, Naturopata Psicosomatico Riza ,

operatore/docente Medicina Vibrazionale con le Campane Tibetane

 

Con il termine Ansia,  si intende uno stato psichico, caratterizzato da sensazioni di paura, più o meno intensa e duratura nel tempo, stato spesso causato da  varie fonti di stress, iper-attività lavorative, etc.

Nell’antichità il senso di pericolo, faceva scattare alcuni meccanismi che portavano il corpo ad aumentare le sue prestazioni, ad esempio, grazie ad una scarica di adrenalina sappiamo che si può correre più velocemente

Secondo alcuni studi effettuati sul cervello umano, l’ansia sarebbe causata da alterazioni della quantità di alcuni neurotrasmettitori, come per esempio un’eccessiva produzione di noradrenalina (l’ormone dello stress) ed una ridotta produzione di serotonina.

Crescite soggette a richieste via via sempre più crescenti di prestazioni, lavorative, umane, affettive hanno portato diverse persone a soffrire di tale patologia, chi non ha mai sentito parlare di “ansia da prestazione”?

Le statistiche ci informano che in Occidente, più di 400 milioni di persone soffre di ansia, con una percentuale elevata di donne tra i 30 e i 50 anni; spesso ad esserne colpiti, sono manager, ma anche dipendenti, e, elemento preoccupante, vi sono molti giovani tra i 7 ed i 18 anni.

Vediamo quanto il fenomeno Ansia sia uno dei mali del secolo: paradossalmente, tra le popolazioni aborigene tale malattia non esiste.

Al contrario, nella cosiddetta Società Industrializzata, un’esagerata necessità di lavoro, di essere sempre al top, sempre informati, ha causato una serie di problematiche incommensurabili.

Abbiamo ansie differenziate, che provengono dalla vita di tutti i giorni, dalla situazione economica che stiamo vivendo, dal leggere sui giornali notizie di guerre, di calamità naturali (es.  il terremoto), ansia di prestazione, ansia di stare in luoghi affollati, ansia di non essere in grado di portare avanti il lavoro, ansia di perdere il posto di lavoro…

 

Caratteristiche dell’Ansia

È un brutto cocktail di emozioni negative, formato da: preoccupazioni, solitudine, depressione, paura, apprensioni, dolori al petto, crisi di panico, nausea, paura di non essere accettati.

Spesso le persone che soffrono di  questo disturbo, oltre allo stress psicologico, soffrono di  una serie di tensioni muscolari, emicranie, palpitazioni, nervosismi, facilità al pianto ed insonnia.

A tutto questo, spesso si accompagna un senso di inadeguatezza, di sentirsi mai a proprio agio.

In talune situazioni, si è verificato che fenomeni ansiogeni, siano stati provocati dall’uso di droghe e di sostanze tossiche.

 

Cura Allopatica

Le principali cure  sono farmacologiche: vengono spesso prescritti ansiolitici  come le benzodiazepine (es. Valium, Xanax, etc) e cure psicologiche e/o psicoterapeutiche cognitivo-comportamentali.

 

Trattamento Olistico

Per quanto attiene il settore olistico e del benessere, prima di tutto poniamo l’accento sul fatto che  l’ansia non viene interpretata come una malattia al di fuori del corpo, ma strettamente connessa a corpo – mente-spirito.

L’individuo quindi, e non la somma delle parti, fisiche o psichiche, più o meno malate.

La  Tecnica Pranoterapica,  appartiene al mondo olistico (holos=intero), termine utilizzato per indicare un approccio che cerca di vedere le persone nella loro interezza, rispetto all’ambiente interno ed esterno.

Parliamo in questo caso di squilibrio energetico.

il Metodo  “Pranoterapia e Massaggio Armonico Antistress con le Campane Tibetane®” crea un legame magico, etereo e particolarmente indovinato per l’abbassamento dello Stress e per la riabilitazione emotiva della persona.

 

E’ un trattamento formato dal connubio di più tecniche:

  • Pranoterapia
  • Medicina Vibrazionale con le Campane Tibetane
  • Tecniche di rilassamento
  • Tecniche respiratorie
  • Meditazione

 

La Pranoterapia  è una terapia curativa antichissima, formata dalle parole PRANA, termine sanscrito (antica lingua indiana) che significa “soffio vitale” o “energia vitale” e dalla parola terapia.

Ma come si applica la Pranoterapia?

La sua applicazione viene fatta con l’imposizione delle mani del pranoterapeuta sul corpo del paziente ad una distanza di pochi centimetri o apponendo le mani su organi, su Chakra, o seguendo i punti dei meridiani della Medicina Tradizionale Cinese, come viene fatto anche per l’Agopuntura, la Moxa o per lo Shatsu.

La Pranoterapia, serve a ricreare o a rivitalizzare l’energia curativa propria di ogni essere vivente, come fa l’omeopatia, dando al corpo umano la possibilità di reagire alla malattia, diminuendo infezioni, irritazioni, infiammazioni aiutando così il Sistema Immunitario a ristabilire l’omeostasi.

Cosa sono le Campane Tibetane?

Le Campane Tibetane o Singing Bowls sono delle ciotole metalliche di forma tondeggiante, di colore dorato, nere o verdi, spesso con scritte in Sanscrito raffiguranti l’Ohm.

Esse sono composte da una lega che comprende i sette metalli planetari: Oro per il Sole, Ferro per Marte, Mercurio per il pianeta Mercurio, Rame per Venere, Stagno per Giove, Piombo per Saturno e infine Argento per la Luna.

Che sensazioni si possono avvertire? 

Alcune  persone, durante l’esperienza con il Metodo “Pranoterapia e Massaggio Armonico Antistress con le Campane Tibetane®”, si addormentano, altre persone  si emozionano, altre rimangono indifferenti, vi sono poi persone che sorridono, altre che raccontano di aver viaggiato e che desiderano trasmettere questa esperienza agli amici o ai loro familiari.

Il suono avvolge completamente il nostro spirito e il nostro corpo.

Attraverso il contatto con la campana, posizionata su alcuni punti del corpo, si percepiscono delle vibrazioni che attraversano ed accarezzano tutto il corpo, dai piedi alla testa, organi ed ossa comprese; per mezzo dell’udito ci si immerge in un viaggio armonico-sonoro sempre più magico e rilassante, attraversando note musicali mai ascoltate, il tutto composto da un cocktail di benessere, oblio e di un crescente senso di leggerezza.

A cosa  serve il Metodo “Pranoterapia Massaggio Armonico Antistress®”?

Il suono e le  vibrazioni della Campana Tibetana concorrono in maniera esponenziale per il riallineamento dei chakra, per la carica energetica ed per il benessere spirituale e fisico della persone.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, il corpo umano, oltre che da organi, ossa e visceri è composto anche di vibrazioni, frequenze e onde di energia.

Sappiamo che  se un organismo è sano, esso vibra ad una giusta frequenza ed è ben accordato con sé stesso e con il mondo esterno come uno strumento musicale.

Spesso  chi ha sensazioni di carenza energetica,  disturbi di varia natura, ha anche una frequenza musicale distorta,  questo malessere è dato dalla presenza di blocchi energetici.

La terapia “Pranoterapia e Massaggio Armonico Antistress con le Campane Tibetane®”,stimola il processo di autoguarigione e di armonizzazione.

Per cosa indicato il Metodo “Pranoterapia Massaggio Armonico Antistress con la Campana Tibetana®”?

E’ indicato per:

  • energizzare ed armonizzare il sistema bioenergetico
  • equilibrare i chakra
  • calmare il nervosismo
  • ritrovare il proprio SILENZIO INTERIORE
  • Energizzare ed armonizzare il sistema bioenergetico
  • equilibrare i chakra
  • calmare il nervosismo
  • stimolare il SISTEMA IMMUNITARIO
  • migliorare tempi di Convalescenza
  • migliore l’efficienza del respiro
  • stimolare Processi Depurativi dell’organismo
  • risolvere i più comuni disturbi del sonno
  • risolvere problemi ansiolitici dovuti a problemi di natura PSICOSOMATICA
  • favorire la PACE INTERIORE

 

 

 

 

 Molto indicato  per abbassare o eliminare sensazioni di:

  • Ansia
  • Angoscia
  • Stress Depressione (in sinergia con uno Psicologo)

 

Cos’è il Mix di Pranoterapia e Campana Tibetana?

Ho potuto verificare che, dopo il normale trattamento di Pranoterapia, che agisce in maniera profonda e intensa sul corpo sottile, a seconda del disturbo o della patologia sofferta, eseguendo il Trattamento “Pranoterapia e Massaggio Armonico Antistress con le Campane Tibetane®”, le persone traggono sensazioni di leggerezza e armonia, sensazioni di torpore e soprattutto il sorriso sulle labbra.

Attraverso il contatto con la campana, posizionata sui punti chakra, si percepiscono delle vibrazioni che attraversano ed accarezzano tutto il corpo.

Fin’ora ho visto la gioia, lo stupore, la serenità ed il sorriso materializzarsi sul viso di diverse persone, ma l’esperienza che conservo nel mio cuore è quella di una signora che ha scoperto di poter superare i propri momenti di disagio e la possibilità di ricominciare a sognare.

Un primo riscontro facilmente percepibile avviene sul rilassamento mentale, immediatamente dopo il primo trattamento il mix di suoni e vibrazioni ci porta in una dimensione sconosciuta, ma molto gradevole, è l’effetto del rinnovamento della VIBRAZIONE UNICA.

Il secondo riscontro avviene sulla qualità del sonno, che ritorna (eliminando disturbi neurovegetativi) rigenerante, e avremo così, una forma di rilassamento più intimo e profondo. Direttamente consequenziale al secondo riscontro, ci sarà una maggiore concentrazione, e un maggiore equilibrio psico-fisico.

A livello psichico potranno avvenire emersioni di ricordi dolorosi, stati di ansia, amarezza ed il consequenziale risanamento emotivo con il pianto liberatorio.

Vi sarà inoltre, grazie allo scioglimento di blocchi, una maggiore e diffusa energizzazione corporea che porterà a sua volta a rinforzare le energie di auto guarigione.

Riporto qui una bellissima testimonianza di una signora sul Metodo “Pranoterapia Massaggio Armonico Antistress con la Campana Tibetana®”

“Caro Guido,

è mia intenzione ringraziarti pubblicamente per avermi tolto un dolore atroce annidato nell’animo…..la perdita di una persona cara.

Non esistono farmaci che possano aiutare, non è come un mal di schiena, solo il tempo può lenire il dolore sordo che ti accompagna giorno e notte….ma ne deve passare tanto…..e tu con la “Pranoterapia e le Campane Tibetane” in pochissime sedute hai miracolosamente accorciato quel tempo!

Invito con questo mio messaggio tutte le persone che soffrono un dolore non fisico a rivolgersi a te che hai un dono meraviglioso.

Grazie di cuore!

Paola B. 28 Agosto 2010”

©2012 Guido Parente. SIAE 2012. All rights reserved

La Pranoterapia – Guido Parente

La Pranoterapia

Dr Guido Parente

pranoterapia-mani-arcobaleno

Fin dall’antichità, l’uomo ha avuto la necessità per curarsi, di ricorrere alle figure del guaritore, dello sciamano, dell’uomo-medicina, del pranoterapeuta che insieme a erbe medicinali e rituali magici che in sinergia hanno garantito la sopravvivenza in ambienti ostili per la vita umana.

La Pranoterapia e una terapia curativa antichissima, formata dalle parole PRANA (termine sancrito antica lingua indiana) che significa “soffio vitale” o “energia vitale” e dalla parola terapia.

Ma come viene fatta la Pranoterapia?

La sua applicazione viene fatta con l’imposizione delle mani del pranoterapeuta sul corpo del paziente ad una distanza di pochi centimetri o apponendo le mani su organi, sui punti chacra, o seguendo i punti dei meridiani della Medicina tradizionale Cinese, come viene fatto anche per l’Agopuntura e per lo Shatsu.

La Pranoterapia serve a ricreare o a rivitalizzare l’energia curativa propria di ogni essere vivente, come fa l’omeopatia, dando al corpo umano la possibilità di reagire alla malattia, diminuendo infezioni, irritazioni, infiammazioni aiutando così il Sistema Immunitario a ristabilire l’omeostasi.

Spesso si parla della differenza tra la Pranoterapia ed il Reiki, ebbene nella Pranoterapia si ha un passaggio del prana, dell’energia dell’operatore che tramite le sue mani viene trasmessa nel corpo del paziente, nel reiki invece, l’operatore viene considerato un ponte tra l’energia universale ed il paziente.

Chi è il Pranoterapeuta?

È una persona che possiede un’energia, un campo elettromagnetico vitale più forte della pluralità delle persone; grazie a questo “dono”, con l’imposizione delle mani esso può aiutare nel risolvere disturbi e/o patologie in maniera olistica (holos = intero) termine usato per indicare un approccio che cerca di vedere le persone nella loro interezza, l’individuo nella sua completezza e non la somma delle parti, fisiche o psichiche più o meno malate, ed è grazie a questo potenziale bioelettricomagnetico che il pranoterapeuta può riattivare blocchi energetici o psichici.

Perché funziona la Pranoterapia?

Vi sono sostanzialmente due scuole di pensiero afferenti le ipotesi per cui la Pranoterapia abbia un reale funzionamento che va oltre l’effetto placebo:

1. Ipotesi energetica
Per questo genere di ipotesi, tutti gli esseri viventi, essendo parte integrante del cosmo (costituito a sua volta da varie forme di energia) hanno necessità di implementare la loro “energia vitale”, il loro “prana” che per cause diverse ( traumi, cause psichiche, malattie varie) sia sceso di livello, generando così le varie patologie.
In sostanza, è come se il pranoterapeuta fungesse da macchina per ricaricare le”batterie” del corpo umano,

2. Ipotesi psicosomatica
E’ basata su uno squilibrio del Sistema psico-neuro-endocrino-immunologico. Tale squilibrio genera blocchi di origine psichica, endocrina gravando il Sistema Immunitario e rendendolo incapace di fronteggiare attacchi di virus e patologie.
Necessita pertanto di una sinergia di rivitalizzazione dei vari sistemi.

Che sensazioni si possono avvertire?

Gran parte delle persone che si sottopongono alla pranoterapia, avvertono sensazioni di diversa natura, quali calore, pesantezza, vento, freddo, benessere diffuso, sensazioni di svuotamento mentale, rilassamento, pizzicori, correnti elettriche..

La Pranoterapia non è miracolosa, ma in taluni casi può curare ed in altri, agendo con le prescrizioni mediche, può facilitare guarigioni o agevolare il decorso di patologie gravi.

Dr Guido Parente Pranoterapeuta Vibrazionale
http://www.guidoparente.com
©Guido Parente 2010

cos’è la Naturopatia? Guido Parente

http://1.bp.blogspot.com/-nxN0XxHjxYs/UZXSeUyZwuI/AAAAAAAADBU/UbglQrBODaI

“La Naturopatia è un insieme di metodi nei quali confluiscono tecniche differenti.

Principio base della Naturopatia è l’idea che la natura possieda le capacità di guarire sollecitando le forze vitali ed attuando quanto più possibilmente la prevenzione.

Le tecniche naturopatiche non puntano solo a sopprimere i sintomi della malattia, ma stimolano l’organismo a guarire da sé, ripristinando le capacità vitali”

Guido Parente

Il trattamento del “Morbo di Crohn” con la Pranoterapia

intestino

Il trattamento del “Morbo di Crohn” con la Pranoterapia
 
 
Guido PARENTE Pranoterapeuta Psicosomatico, Naturopata Psicosomatico Riza “in fieri”
… Il Morbo di Crohn, noto anche come Enterite Regionale, è una malattia infiammatoria cronica dell’intestino, essa causa forti dolori addominali, diarrea, vomito, perdita di peso. Può altresì causare complicazioni in altri organi e apparati come eruzioni cutanee, artriti, infiammazione degli occhi (uveiti), stanchezza (Wikipedia). Tale patologia, deve il suo nome a un medico statunitense, Burrill B. Crohn (1884-1983) che insieme a due suoi colleghi, Leon Ginzburg e Gordon Oppenheimer, descrisse accuratamente la patologia in un articolo comparso sul JAMA (Journal of the American Medical Association). Le statistiche ci informano che la malattia colpisce prevalentemente tra i 20 e i 40 anni e i pazienti affetti da tale patologia sono in costante aumento soprattutto nei paesi occidentali, in percentuale maggiore colpisce le donne. In Italia non esiste un registro nazionale, comunque, sulla base di una ricerca svolta dall’associazione AMICI, si calcola che ci siano almeno 100.000 persone affette da malattie infiammatorie intestinali, di cui probabilmente 30-40% affetti dal morbo di Crohn. Tale patologia, rientra nelle cosiddette Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI), tra cui si annovera anche la colite ulcerosa. Cura Allopatica Attualmente non vi sono cure definitive per il Morbo di Crohn. Le principali cure sono di tipo farmacologico, nutrizionale e chirurgico. Vengono spesso prescritti antibiotici e antinfiammatori, la mesalazina è uno dei farmaci più utilizzati. La Medicina Allopatica, prescrive farmaci per aumentare le difese Immunitarie. In taluni casi gravi, quando vi sono blocchi parziali o totali dell’intestino,viene consigliato l’intervento chirurgico. Dieta Anche se la Scienza non è ancora concorde, si ritiene auspicabile che le persone affette da questa patologia passino ad una dieta vegetariana o vegana. Un’alimentazione sana, costituita da prodotti biologici e con il minor contenuto possibile di alimenti ricchi di grassi saturi, latte e latticini, una dieta povera di fibre, limita la sintomatologia. Si consiglia di aumentare il consumo di frutta e verdura, carni bianche, pesce. Smettere di FUMARE Naturalmente l’alimentazione non è l’unico fattore che può influenzare i livelli di infiammazione, le infezioni intestinali, una cattiva masticazione, l’utilizzo di bevande alcoliche o eccessivamente fredde, lo stress e le tensioni emotive, insieme tanti altri fattori, possono spingere i livelli di infiammazione oltre la soglia e scatenare la sintomatologia. Trattamento Pranoterapeutico Per quanto attiene il settore olistico e del benessere, prima di tutto poniamo l’accento sul fatto che  qualsiasi patologia, non viene interpretata come una malattia al di fuori del corpo, ma strettamente connessa a corpo – mente-spirito. Grazie alla mia esperienza di Pranoterapeuta, ho potuto verificare nel corso degli anni, in base agli studi svolti e all’esperienza che, mediante l’apposizione delle mie mani,  riesco ad alleviare stati infiammatori, anche molto gravi. Il trattamento Bio-pranoterapeutico, si svolge principalmente, in primis andando a trattare il sistema Immunitario, che come è noto, nelle malattie autoimmuni, esso viene interessato e colpito. Cosa vuol dire trattare il Sistema Immunitario con la Pranoterapia? Il trattamento sarà, composto da ponti (messa in contatto) tra organi e ossa lunghe, le sedute a carattere settimanale, varieranno da 5 a 10. Il trattamento relativo al Morbo di Crohn, proseguirà con un articolato programma di trattamenti che si svolgeranno con modalità differenti, andremo a sedare l’infiammazione al fine di ridare vigore alle parti interessate da tale patologia. La  Tecnica Pranoterapica,  appartiene al mondo olistico (holos=intero), termine utilizzato per indicare un approccio che cerca di vedere le persone nella loro interezza, rispetto all’ambiente interno ed esterno. Parliamo in questo caso di squilibrio e di difetto energetico. La Pranoterapia  è una terapia curativa antichissima, formata dalle parole PRANA, termine sanscrito (antica lingua indiana) che significa “soffio vitale” o “energia vitale” e dalla parola terapia. Ma come si applica la Pranoterapia? La sua applicazione viene fatta con l’imposizione delle mani del pranoterapeuta sul corpo del paziente ad una distanza di pochi centimetri o apponendo le mani su organi, su Chakra, o seguendo i punti dei meridiani della Medicina Tradizionale Cinese, come viene fatto anche per l’Agopuntura, la Moxa o per lo Shatsu. La Pranoterapia, serve a ricreare o a rivitalizzare l’energia curativa propria di ogni essere vivente, la cosiddetta vis medicatrix naturae come fa l’omeopatia, dando al corpo umano la possibilità di reagire alla malattia, diminuendo infezioni, irritazioni, infiammazioni aiutando così il Sistema Immunitario a ristabilire l’omeostasi. Riporto qui una bellissima testimonianza di una signora dopo delle sedute di Pranoterapia “Caro dr Parente, vivo con il Morbo di Crohn da quando avevo 26 anni, (ora ne ho 57), può comprendere, essendo Lei una persona dotata di rara sensibilità, il disagio ed il dolore che esso comporta. Una delle prime cose che ti dicono i medici è che non si può guarire, solo “tenere a bada” tramite trattamenti farmacologici il tutto… Ebbene può ben immaginare come ci si possa sentire! Il senso di impotenza è tanto… Qualche tempo fa una mia zia mi parlò della Pranoterapia, di persone che posseggono un “dono” attraverso il quale riescono a fare molto per le persone. Iniziai pertanto a fare una ricerca sul web, ne parlai con amici, con  operatori olistici e più persone mi fecero il suo nome, mi dissero che Lei, caro Guido era una persona molto umana, molto disponibile e con un “dono” molto forte…e dopo averLa conosciuta, devo dire che è proprio vero! Tramite le sue sedute, le sue “mani d’oro” mi hanno portato benessere e una sensibile diminuzione del dolore. Il Sistema Immunitario, tornando a  dei livelli accettabili, ha fatto sì che io non fossi più oggetto di raffreddori e malanni di ogni tipo a ritmi esagerati! Lei mi ha spiegato che essendo una malattia autoimmune, è necessario sottoporsi a trattamenti ciclici, ben vengano se i risultati sono questi! Inoltre, sono convinta che il mio umore è diventato più allegro grazie alla sua Arte Pranoterapeutica! Grazie di cuore! Francesca S,. 16 Marzo 2011” ©2013 Guido Parente. SIAE 2013. All rights reserved